La mafia uccide, il silenzio pure - In memoria di Peppino Impastato
 
Stai leggendo il giornale digitale di Mattioli San Salvo su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

Mattei Attualità 09/05 09/05

La mafia uccide, il silenzio pure

In memoria di Peppino Impastato

9 maggiPeppino Impastato davanti alla sede di Radio Auto 1978: mentre le Brigate Rosse assassinavano il presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro, a Cinisi, in Sicilia, veniva legato a dei binari e fatto saltare in aria col tritolo, a soli 30 anni, Giuseppe "Peppino" Impastato, giornalista ed attivista italiano, oltre che militante della lotta contro la mafia.

La scelta di Peppino, pur essendo originario di una famiglia mafiosa e pur abitando a soli cento passi dal boss Tano Badalamenti, colpevole del suo assassinio, fu quella di alzare la voce e ribellarsi pubblicamente alla criminalità orgaFunerale di Peppino Impastatonizzata, trascorrendo una vita breve, ma interamente puntata a cercare di cambiare la mentalità locale, armandosi unicamente del suo coraggio, della sua parola e soprattutto della cultura.

Dalle lotte contadine al giornalino "L'Idea Socialista" e alla candidatura nella lista di Democrazia Proletaria, Peppino arrivò infatti a fondare, insieme a tre colleghi, Radio Aut, una radio libera con sede a Terrasini, in provincia di Palermo, gestita in regime di autofinanziamento ed utilizzata al fine di denunciare i potenti Luogo dell’assassinio di Impastatomafiosi che predominavano sui territori siciliani. La trasmissione, da loro battezzata "Onda pazza a Mafiopoli", andava in onda ogni venerdì sera ed inondava satira politica in una società omertosa nella quale l'anticonformismo era sinonimo di inibizione.

Oggi, nel quarantunesimo anniversario dalla sua morte, lo si ricorda con un corteo che, dalla sede di Radio Aut, raggiunge Casa Memoria Peppino e Felicia Impastato, rammentando anche l'importante figura materna, grazie alla quale, a 23 anni dall'omicidio, Badalamenti fu condannato all'ergastolo. L’obiettivo di Impastato dovrebbe tuttora essere perseguito: quando urlava che “la mafia uccide, ma il silenzio pure” si appellava soprattutto ai giovani, sensibilizzandoli a non rimanere in silenzio, ma a seguire il suo coraggioso esempio e a mettersi in gioco per il futuro di tutti.

 Ed iniziare a ribellarsi sarebbe il modo migliore per tenerlo in vita in ognuno di noi.

di Cecilia Palese


Condividi questo articolo





edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi